Un fascio di luce colpisce il nero del terreno, è come un occhio che scruta tutto. Si muove a destra e a sinistra, spiando, per trovare qualcuno che risponda al suo sguardo.  Un esplosione bianca distrugge quella tranquillità che era stata creata. Caos. Caos bianco dappertutto.

La retorica è un interessante meccanismo mentale che spinge all’annullamento della realtà, la retorica distrugge la realtà, la confina in un angolo e non le da spazio, annienta la fantasia, la ingabbia.

Vedi in questo momento sto cantando e sono in gabbia. Mi vedi che sono in gabbia? O forse siamo in gabbia tutti e due? Rimaniamo in gabbia, ci sarà prima o poi un salvatore che ci viene a liberare. La retorica è una lamentela, la retorica è il bianco di un cuore che non ha coraggio.